Aggiornamento Ivass (10/16)

1.     Indagine IPER

Presentati risultati dell’indagine. Punti focali: decremento premio pagato in Italia (ma forti differenze di prezzo nel Nord e Sud Italia), migliore diffusione black box (più usata nel Meridione).

2.     Bollettino di Vigilanza:

Bollettino agosto 2016 contenente le sanzioni assegnate dall’IVASS.

3.     Regolamento 29 IVASS:

Tematica: assicurazioni locali e regole Solvency II

Le imprese di piccolissime dimensioni sono escluse dalle regole di Solvency II

Regole da rispettare contemporaneamente per essere così definite:

  1. Premi lordi annui < 5.000.000
  2. Riserve tecniche (al lordo importi recuperabili da contratti di riassicurazione e società veicolo) < 25.000.000
  3. L’impresa NON copre rischi di responsabilità, credito, cauzione
  4. NO operazioni riassicurative > 0,5 milioni del suo incasso annuo di premi lordi contabilizzati

NO operazioni riassicurative > 2,5 milioni riserve tecniche (al lordo degli importi recuperabili da contratti di riassicurazione e società veicolo)

NO operazioni riassicurative > 10% dell’incasso annuo di premi lordi

NO operazioni riassicurative > 10% riserve tecniche al lordo degli importi recuperabili dai contratti di riassicurazione e delle società veicolo.

Tra i requisiti di accesso: le imprese “piccolissime” devono richiedere di essere così definite da IVASS.

Poteri distribuiti alla funzione di risk management (perché con Solvency II è andato perduto l’attuario incaricato) come la relazione tecnica contenente l’esposizione dei criteri in base ai quali viene redatto il programma di attività dell’impresa; la valutazione sulla sufficienza delle riserve tecniche; gli adempimenti connessi alla valutazione delle tariffe etc. Altre tematiche trattate: organizzazione e controlli interni, metodi calcolo tariffe ramo vita e delle riserve tecniche, gli attivi a copertura.

Tra gli allegati: allegati su onorabilità, professionalità indipendenza degli organi di amministrazione e controllo; documentazione sulla sana e prudente gestione impresa; informazioni su attività esternalizzate; documenti di vigilanza (posizione aperte su derivati e riserva per il tasso di interesse garantito); investimenti derivanti dalla gestione dei fondi pensione di cui alla classe D.II dello stato patrimoniale; attività a copertura; margine di solvibilità.

4.     Lettera al mercato del 10/08/2016 – Solvency II: calcolo del requisito patrimoniale di solvibilità con formula standard – Assorbimento di perdite delle imposte differite

Puntualizza sul calcolo del LAC DT: esso dipende da DTL nette (elementi valorizzati ante stress) e da nDTA+imposte da utili futuri (calcolati post stress)

(nDTA: imposte differite nozionali attiveà imposte differite attive a seguito di perdita istantanea – imposte differite attive dello S.P. di solvibilità calcolate ante stress)

Informativa richiesta da IVASS: comunicare l’importo della correzione sul Requisito Patrimoniale di Solvibilità per via della LAC DT + metodi di calcolo.

Nella Relazione periodica ad IVASS: comunicare metodi valutazione per calcolo nDTA

5.          Lettera al mercato del 9/8/2016 – Solvency II: calcolo del requisito patrimoniale di solvibilità

Posto che le imprese possono applicare la Volatility Adjustment alla struttura per scadenza dei tassi privi di rischio (usata per calcolo ris.tecniche), per il regolamento 2015/2450 le imprese devono trasmettere

annualmente, a partire dal 2017, uno specifico template (S.22.01.01) dove scrivere gli effetti delle misure Long Term Guarantees (in seguito LTG).

L’IVASS richiede informazioni: sulle Technical Provisions, sui Basic Own Funds, sugli Eligible Own Funds, sull’SCR e sull’MCR (struttura del file = template S.22.01.01)

6.     In pubblica consultazione le modifiche ai Regolamenti 22/2008 e 7/2007 in materia di bilancio civilistico (individuale e consolidato) – versione aggiornata con gli allegati 14-bis, 14-ter, 15-bis e 15-ter

Consultazione sui suddetti regolamenti; allegate tabelle su cui apporre contributi/commenti/osservazioni generali inerenti alle proposte di modifica dell’Istituto.

7.     Provvedimento 47 dell’1/6/2016 recante gli indicatori e i livelli di anomalia dell’archivio AIA

Informa sul funzionamento di AIA (archivio integrato antifrode): l’attribuzione del CUE (codice unico evento), la presenza di una black e white list al fine di evitare duplicati o valori non interessanti, la presenza di un sistema di indicatori di anomalie del sinistro.

 8.     Regolamento 23 su Banca Dati Sinistri

Informazioni sulla BDS. Obbligo di comunicazione dei dati del sinistro da parte degli Assicuratori, diritto di accesso in caso di sinistro, ulteriori soggetti autorizzati all’acceso (Polizia, P.A., Autorità giudiziaria).

9.     In pubblica consultazione la nota informativa semplificata per i rami danni e le modifiche al Regolamento n. 35/2010

Obiettivo: semplificare e chiarire le note informative per rami danni, in special modo RC Auto.

Allegati nuovi modelli di Nota Informativa.

Note:

Provvedimento n. 48 del 17/8/16 recante modifiche al Provvedimento IVASS n. 39 del 4 dicembre 2015 Non si scarica

© BGP Consulting  2016

©1998-2017 BGP Group | Registered Office: Via Cavallotti, 15 - 20122 Milano | Soc.Cap.Euro 1.000.000 - PI: 10195970156 - REA MI 1353756 (site by Soluzioni Egisoft)